PALOMBARA SABINA – Campioni e talenti sul ring per mettere Ko il Bullismo

Sabato 21 Gran Galà al palazzetto dello Sport con Luca “Gentleman” D’Ortenzi e Simone “Tyson” Federici

Una serata di grande boxe con campioni e talenti del ring per lanciare un messaggio ai giovani. E’ l’obiettivo di “Ko al Bullismo”, la manifestazione sportiva organizzata per sabato 21 dicembre alle ore 20 al Palazzetto dello Sport “Stefoni” di Palombara Sabina dalla guidoniana “Accademia Pugilistica Roma Est” di Simone Autorino e Fabio Fantauzzi col patrocinio della “Federazione Pugilistica Italiana” e la “Lega Pro Boxe”.

Main Sponsor “Biagioli Elettromeccanica”, oltre ad alcuni commercianti di Guidonia e vari imprenditori del settore estrattivo del travertino che già avevano sostenuto il primo “Memorial Davide Favetti” tenutosi il 20 ottobre scorso nella Città dell’Aria.
Lo slogan della manifestazione è chiaro: “Il pugilato è istinto, è passione, è carattere, è disciplina, è determinazione, è rispetto per la persona che hai davanti.
Sul ring come nella vita la Asd Accademia Pugilistica Roma Est mette Ko il Bullismo”.
Il programma è per palati fini della “Nobile Arte”, per questo si prevede una massiccia affluenza di appassionati da tutto l’hinterland romano.
Sul ring saliranno due stelle come Luca D’Ortenzi e Simone Federici. Il primo, 31enne guidoniano ribattezzato il “Gentleman” della boxe, Campione Italiano dei Pesi Massimi e detentore del Titolo del Mediterraneo Cruiser Ibf categoria Massimi Leggeri, incrocerà i guantoni con Predrag Jevtic in un match in sei round per i 91 chilogrammi.

Roberto Castro di Montecelio insieme all’allenatore Simone Autorino

Maria Cecchi di Borgonovo insieme al sindaco di Guidonia Michel Barbet

Il secondo, 26enne detto il “Tyson di Corcolle”, detentore della cintura WBC Continental Americas dei pesi supermedi conquistata a New York, sfiderà invece Vukasin Obradovic in un altro incontro sempre in sei round per i 91 chilogrammi.
A lanciare il messaggio del “Ko al Bullismo” anche Maria “Russian” Cecchi, ventenne di Borgonovo Pesi Gallo Donne che per il terzo incontro da professionista sfiderà Ana Nikolic in sei round per i 54 chilogrammi dopo l’ottima prestazione di domenica 20 ottobre nella palestra comunale di via Po a Guidonia Centro in occasione del primo “Memorial Davide Favetti”.

Alla riunione pugilistica partecipano anche Cristian Gasparri di Tarquinia, il campione School Boys Roberto Castro di Montecelio e Cristian Malvitano di Ladispoli che sfiderà Marko Petrovic in un match di 6 round dei Superleggeri.
A fare gli onori di casa, sarà la promoter e direttore sportivo Veruska Sirimarco, promotrice del progetto antibullismo con un video girato da campioni e promesse della boxe insieme ad Arturo Mariani della Nazionale di Calcio Amputati.
“L’evento – spiega la Sirimarco – è organizzato esclusivamente per sensibilizzare i ragazzi a combattere contro quello che è diventato un virus tra le nuove generazioni”.
Collegato all’evento un progetto sociale di Autorino e Fantauzzi in collaborazione col Centro per la Valorizzazione del Travertino Romano: da gennaio allenare gratuitamente dodici ragazzi delle Case famiglie per i quali le imprese del settore estrattivo si faranno carico delle spese per le visite mediche e l’iscrizione in palestra.
Boxe, sociale e solidarietà. La mattina del 24 dicembre il campione Luca D’Ortenzi insieme all’allenatore Simone Autorino e alla promoter Veruska Sirimarko si recheranno presso le case famiglia “Piccola Pietra” e “Casa Myriam” per distribuire ai piccoli ospiti giocattoli acquistati dalla “Accademia Pugilistica Roma Est”, da “Vogue Air Stylist” di Fonte Nuova e dalla famiglia di Tullio Ludovici.